home - intro - animali come: cibo - strumenti - divertimento - abbigliamento - compagni


Animali come cibo: Le mucche e i vitelli

torna indietro - animali come cibo - polli - mucche e vitelli - maiali, conigli - pecore, capre - cavalli - pesci - cibo alternativo


II bovini vengono allevati per due motivi: o per produrre latte o per fornire carne. Se un animale viene allevato per produrre carne, vive mediamente 20 mesi. Nessun animale da carne pascola libero su belle vallate verdi. La vita di un manzo da carne si svolge quasi esclusivamente in stalla. Solitamente l’animale vive legato in modo da occupare il minor spazio possibile (meno spazio = meno costo). Quando giunge il giorno in cui è abbastanza grosso per venire ucciso, spesso non riesce neppure a camminare sul camion che lo trasporterà al macello, dato che non ha mai camminato in vita sua.

Se l’animale viene allevato per fornire carne di vitello, la sua vita è ancora più orribile di quella dei manzi. Per poter avere le pregiate carni chiare, l’animale non deve sviluppare i muscoli e deve essere anemico. Ciò vuol dire che viene rinchiuso in un piccolissimo box in cui non deve potersi muovere, viene alimentato con una pappetta che non gli fornisce ferro (perché i muscoli rimangano molli e chiari) e vive sporco e in perenne dissenteria a causa del tipo di vita (se così si può chiamare) che è costretto a fare.

Alcune persone pensano, giustamente, che sia crudele mangiare la carne di manzo e di vitello, però non vedono niente di male nel bere il latte vaccino. Tantissime persone, anche istruite, pensano che ci siano le mucche da latte che, come per magia, siano state create per fornire incessantemente latte all’umanità. La mucca è un mammifero e, come tutti i mammiferi, produce latte per sfamare il proprio figlio. Per produrre latte, quindi, la mucca deve partorire ogni anno un vitellino. Chi beve latte deve sapere che il latte che beve è rubato al vitello (che viene alimentato con latte artificiale) il quale a sua volta diventa carne. Il latte è “carne liquida”, comporta inevitabilmente l’uccisione del vitello (solo poche vitelle diventano a loro volta mucche da latte e comunque, anche queste, finiscono prima o poi al macello per diventare carne di seconda scelta – quella per hamburgher). Peggio ancora, i vitellini fatti nascere per produrre latte, il più delle volte diventano carne di vitello, una delle carni più crudeli in assoluto.

Se qualche “fortunata” mucca da latte può pascolare d’estate in montagna, occorre sapere che comunque verrà uccisa verso i 6-7 anni perché inizia a produrre meno latte (se lasciata vivere una mucca può arrivare tranquillamente ai 30 anni d’età) e che tutti i vitellini che dovrà partorire nel corso della sua vita le verranno sottratti violentemente, appena nati.
Inoltre occorre ricordare che le mucche sono forzate a produrre tantissimo latte (molto di più di quello che in natura servirebbe per il loro piccolo) e le loro mammelle, dopo qualche anno di allevamento sono enormi e doloranti
Anche nel caso dei bovini più “fortunati”, quindi, viene esercitata una grandissima violenza.

Chiedete a qualche contadino allevatore di raccontarvi della vita delle sue mucche e verificate le informazioni che avete appena letto.

Quando bevete il latte alla mattina o mangiate un pezzo di formaggio, provate a pensare che si può evitare molta sofferenza semplicemente bevendo latte di soia o di riso (altrettanto nutriente e molto più sano) e sostituendo il formaggio con formaggio di soia.
Anche gli amanti dello jogurt non avranno nulla da rimpiangere: sugli scaffali dei supermercati ci sono jogurt di soia buonissimi (lisci e alla frutta) per soddisfare tutti i gusti!!!


Gli argomenti sono:

polli - mucche e vitelli - maiali, conigli - pecore, capre - cavalli - pesci - cibo alternativo