home - intro - animali come: cibo - strumenti - divertimento - abbigliamento - compagni


Animali come cibo: I polli

torna indietro - animali come cibo - polli - mucche e vitelli - maiali, conigli - pecore, capre - cavalli - pesci - cibo alternativo


I polli sono tra gli animali più comunemente mangiati in tutto il mondo e tra quelli allevati nel modo più terribile. La loro vita negli allevamenti è brevissima, sei, al massimo otto settimane. In questo lasso di tempo devono ingrassare il più possibile in modo da far guadagnare molto l’allevatore. Quelli comunemente detti “galletti” non sono altro che piccoli pulcini molto grossi.
Per allevarli vengono solitamente messi in grandi capannoni chiusi molto affollati da cui gli animali non escono mai, se non per essere ammazzati. L’ammoniaca prodotta dai loro escrementi produce una puzza fortissima che spesso intossica gli animali.

Nel caso delle galline ovaiole, la loro vita è un po’ più lunga (due anni circa) ma ancor più brutta di quella dei polli.
Per poter raccogliere le uova con facilità, gli animali vengono stipati in gabbie molto piccole disposte a grandi file le une sopra le altre, illuminate giorno e notte così da aumentare la produzione. Appena le galline diminuiscono la produzione vengono uccise per essere sostituite con animali più giovani e vigorosi. La carne di queste galline, non particolarmente buona, viene utilizzata per produrre cibo per cani e gatti.
Alcune uova di queste galline vengono fecondate per far nascere le nuove galline ovaiole. Quando le uova si schiudono nelle gigantesche incubatrici, i pulcini maschi, che non servono a niente, vengono subito uccisi, buttati direttamente in un tritacarne o soffocati in grandi contenitori.
Perché le galline non si feriscano a vicenda nel pochissimo spazio che hanno a disposizione (grande quanto un quaderno), viene loro tagliato il becco con un’apposita macchina. Il taglio del becco è molto doloroso (paragonabile al taglio della punta delle nostre dita) sensibile com’è quest’organo per scegliere e becchettare il cibo che in natura i gallinacei cercano tra le erbe e nel terreno.

Tutti i polli, per fare in modo che il sangue esca per bene dal loro corpo, per essere uccisi vengono agganciati a testa in giù su lunghi nastri trasportatori. Quando sono appesi viene loro tagliata l’arteria giugulare, poi vengono immersi in acqua bollente per essere spennati più facilmente da apposite macchine. Spesso i polli, quando vengono spennati, ancora si muovono e muoiono, dibattendosi disperatamente, dopo qualche minuto.

Anche quando le galline vengono allevate “bene”, cioè nei pollai caserecci, con abbastanza spazio a disposizione, la loro vita è sempre molto breve. Il cartone animato “galline in fuga” mostra come vivono le galline nei piccoli allevamenti casalinghi.
Se andate a chiedere a qualche contadino, vi dirà che dopo due-tre anni al massimo, quando la gallina inizia a deporre poche uova, viene uccisa e rimpiazzata. In natura, se allevate con amore e cure, questi animali possono vivere tranquillamente 10 anni.

Alcune persone, quando vogliono offendere qualcuno, gli dicono che è stupido come una gallina o sciocco come un pollo. Queste persone dovrebbero sapere che le galline sono animali molto intelligenti e affezionati a chi li ama e li cura. Con le loro offese queste persone dimostrano solo che gli sciocchi ed ignoranti sono invece loro!!!

Perciò è importante sapere che anche le uova, e non solo la carne, sono un alimento crudele.
Le uova vengono usate un po’ dappertutto: torte, gelati, pasta, biscotti, maionese,... ma per tutte queste ricette si può benissimo fare a meno di utilizzarle, preparando lo stesso piatti buonissimi.
Per quanto riguarda le uova sode o le ovette alla coque, sapendo con quale sofferenza sono state prodotte, si può decidere di non mangiarne più, non sono per nulla necessarie in un’alimentazione sana e nutriente, anzi...


Gli argomenti sono:

polli - mucche e vitelli - maiali, conigli - pecore, capre - cavalli - pesci - cibo alternativo