home - intro - animali come: cibo - strumenti - divertimento - abbigliamento - compagni


Animali come cibo

torna indietro - animali come cibo - polli - mucche e vitelli - maiali, conigli - pecore, capre - cavalli - pesci - cibo alternativo

Il numero di animali uccisi ogni giorno per diventare cibo per gli umani, è così grande che è quasi inimmaginabile. E’ un numero così grande che nessuna guerra, nessun terremoto, nessun disastro o terribile malattia può causare così tante vittime.
Proviamo a fare un calcolo un po’ difficile.
Senza contare i pesci e i crostacei, si calcola che vengano uccisi, nel mondo, 50 miliardi di animali ogni anno. Questo vuol dire 137 milioni al giorno, 5 milioni e mezzo ogni ora, 95 mila ogni minuto, 1580 ogni secondo.

Nel tempo di uno sbadiglio muoiono diecimila animali.

E’ una strage, una ecatombe.
Nel mondo occidentale ogni persona mangia (sempre senza contare i pesci) circa 1700 animali nel corso della sua vita.
Prova ad immaginare tutte le galline, i conigli, le mucche, i maiali, le oche, i capretti. Prova ad immaginartene 1700 tutti in fila, pronti per diventare il tuo pasto. Sono tantissimi!

Ora, se fosse indispensabile mangiare carne per vivere, sarebbe una cosa brutta mangiarla ma sarebbe impossibile fare a meno di uccidere gli altri animali. Se fossimo carnivori come i leoni, non potremmo proprio vivere senza cibarci di altri esseri viventi. Saremmo costretti ad uccidere, saremmo obbligati. Per poter vivere non avremmo altra scelta.

Siccome però gli uomini possono vivere bene senza mangiare carne, non c’è nessun motivo che giustifichi la nostra crudeltà. I vegetariani (si chiamano così le persone che non mangiano gli animali) godono di ottima salute (anzi, ora è dimostrato che stanno molto meglio dei carnivori) e l’unico vero motivo per cui i carnivori vogliono continuare a mangiare carne è che gli piace. Ma questo non è un motivo valido o sufficiente per continuare a uccidere.

Se i vegetariani fossero tutti ricoverati negli ospedali o fossero moribondi sul ciglio della strada, se a scuola fossero stupidi e non fossero in grado di fare sport, se non trovassero lavoro e fossero sempre stanchi, allora, forse, avrebbero fatto una scelta discutibile. Ma siccome stiamo bene, lavoriamo, facciamo sport e solitamente siamo più sani delle altre persone, non c’è nessun buon motivo per non diventare vegetariani.

Inoltre, per produrre carne in quantità elevata, gli animali devono ingrassare velocemente, il più velocemente possibile. Si selezionano animali in base a questa caratteristica e quando vengono macellati, gli animali, anche se all’apparenza sono grandi, in realtà sono dei cuccioli.

Nelle altre pagine di questa sezione troverai le caratteristiche dei più conosciuti animali da reddito (così, purtroppo, vengono chiamati questi poveri animali), come vengono allevati, per quanto tempo e come vengono uccisi.

Sono tra le cose più brutte e tristi che potrai leggere ma, se non vuoi nascondere la testa sotto la sabbia e far finta di non sapere cosa succede negli allevamenti e nei macelli, se vuoi sapere veramente come nasce un hamburger o il petto di pollo, è giusto che tu ti informi.

Gli animali non possono raccontare la loro tragedia. Per fortuna dei carnivori, gli animali non possono scrivere e parlare. I macelli non li costruiscono vicino alle case e le urla degli animali non le sente quasi nessuno. Solo chi ha visto, chi ha sentito, chi ha capito le sofferenze che gli animali sono costretti a subire ogni giorno, ogni ora, ogni minuto e secondo della loro vita può raccontare. E questo racconto è una vergogna per gli uomini, è un racconto che fa venire gli incubi, che non fa dormire la notte. Ma solo raccontandolo gli animali possono sperare che nel futuro la loro vita cambierà, perché la speranza è che cambino gli uomini.

Sei pronto a sentire questo racconto?
Ti diciamo fin da subito che non è una storia a lieto fine...


Gli argomenti sono:

polli - mucche e vitelli - maiali, conigli - pecore, capre - cavalli - pesci - cibo alternativo